Circolare n. 80 - Procedure per le famiglie in caso di studente positivo al Covid 19

Data:

martedì, 23 novembre 2021

Argomenti
Notizia
Covid-19 GESTIONE.gif

Circ.  n° 80

Villa Cortese, 15 novembre 2021         

 Alle docenti e ai docenti

 alle studentesse e agli studenti

alle famiglie

al personale ATA

 

OGGETTO: Procedure per le famiglie in caso di studente positivo al Covid 19

Vengono qui di seguito aggiornate e riassunte le indicazioni derivanti dai più recenti documenti emanati dalle autorità competenti per quanto in oggetto (nota del Ministero dell’Istruzione 001218 del 6 novembre 2021; FAQ scuole portale ATS; comunicazione ATS del 15 /11/2021):

Ogni mattina la famiglia deve misurare a casa la temperatura corporea e verificare che lo studente non abbia altri sintomi sospetti Covid.

In caso di febbre ≥ 37.5 C° o di dubbio circa lo stato di salute, lo studente non deve a scuola, contattare il Pediatra o il Medico curante e attenersi alle sue indicazioni.

SE LO STUDENTE MANIFESTA SINTOMI A SCUOLA

Nel caso in cui lo studente presenti sintomi compatibili con Covid-19 all’interno della scuola, va ospitato nella stanza dedicata o area di isolamento. Il Referente Covid o altro incaricato scolastico deve tempestivamente avvisare i genitori della necessità dell’allontanamento dello studente e segnalare l’allontanamento ad ATS Milano tramite l’apposito portale informatico.

Nella fase di affidamento del minore al genitore o di allontanamento dello studente maggiorenne, la scuola deve apporre il suo timbro sul modulo di autocertificazione che si mette a disposizione degli interessati per effettuare il tampone ( in allegato)

La famiglia dovrà contattare tempestivamente il Pediatra o il Medico curante e attenersi alle sue indicazioni (compresa quella per l’esecuzione dell’eventuale tampone).

  • Potrà eseguire il tampone senza prenotazione solo lo studente che abbia già ricevuto un’indicazione dal proprio Medico, o che provenga direttamente dalla Scuola e non sia riuscito a mettersi in contatto con il proprio Medico/Pediatra.
  • E’ necessario presentarsi al Punto Tampone provvisti di:
  1. autodichiarazione, timbrata dalla scuola
  2. documento di identità
  3. tessera sanitaria. (Questi documenti saranno oggetto di verifica, e ogni falsa dichiarazione sarà trasmessa alla Procura della Repubblica per le sanzioni del caso).
  • Lo studente è trattenuto a casa in attesa del risultato del tampone;
  • In caso di tampone positivo il genitore deve avvertire tempestivamente e riservatamente la dirigenza dell'istituto la scuola provvede alla segnalazione del caso ad ATS e e alla trasmissione dei dati per il tracciamento immediato dei contatti scolastici.
  • Per la ricerca dei contatti scolastici si conferma che si va indietro di due giorni dalla data di effettuazione del tampone o dalla data inizio sintomi del caso Covid 19.
  • La scuola, qualora necessario, invia alla classe le proprie disposizioni organizzative temporanee (DAD). Contestualmente la scuola trasmetterà ai contatti scolastici interessati le disposizioni standardizzate ricevute da ATS a cui attenersi. Tale documento attesta l’avvio della sorveglianza sanitaria attiva e del testing e dovrà essere esibito al punto tampone prescelto.

SE LO STUDENTE MANIFESTA SINTOMI A CASA

  1. Lo studente deve rimanere a casa. È necessario contattare tempestivamente il Pediatra o il Medico curante e attenersi alle sue indicazioni. Nel caso sia necessario effettuare un tampone, è possibile recarsi senza appuntamento nei punti prelievo individuati ( in allegato)
  2. Qualora il medico non ritenga necessario effettuare il tampone, il genitore segue semplicemente le prescrizioni fino alla guarigione dell’interessato;
  3. In attesa dell’esecuzione o dell’esito del tampone, lo studente NON deve andare a scuola e deve rimanere in isolamento.
  4. In caso di tampone positivo, la famiglia avvisa immediatamente ( e sempre anche per iscritto) il Referente Covid d’Istituto, per le procedure di segnalazione ad ATS.
  5. Per gli studenti individuati come contatti scolastici: anche in questo caso la scuola trasmetterà ai contatti scolastici individuati le disposizioni standardizzate ricevute da ATS a cui attenersi. Tale documento attesta l’avvio della sorveglianza sanitaria attiva e del testing e dovrà essere esibito al punto tampone prescelto.

NB

Studente classificato come contatto stretto di caso Covid al di fuori dell’ambito scolastico (es: in famiglia)

La famiglia deve darne tempestiva comunicazione alla scuola. Il contatto stretto deve osservare la quarantena domiciliare con le modalità indicate da ATS. I compagni di classe e gli altri operatori della scuola non sono soggetti a provvedimenti e pertanto potranno continuare la frequenza scolastica. Lo studente in quarantena svolge attività didattiche a distanza.

Condizioni per il rientro a scuola

  • Le quarantene prevedono misure differenti in funzione dei dati vaccinali o degli esiti dei test. Tali dati non sono in possesso delle scuole, quindi verranno trattati da ATS.
  • In allegato le FAQ di Regione Lombardia con il dettaglio delle procedure di gestione delle quarantene.
  • In caso di studente risultato positivo al Covid, per il rientro a scuola, è necessaria l’attestazione di rientro sicuro in comunità rilasciata dal Pediatra o Medico curante.
  • Nel caso in cui il problema di salute, dopo valutazione medica, non sia riconducibile al Covid, e pertanto il tampone non viene eseguito, lo studente potrà tornare a scuola secondo le indicazioni del Pediatra di Famiglia o Medico curante. La scuola richiede una autodichiarazione ( modulo in allegato) da parte del genitore dei motivi dell’assenza in cui il genitore dichiara, in caso di assenza per motivi sanitari, che ha consultato il Pediatra di Famiglia/Medico curante e di essersi attenuto alle sue indicazioni.

Le assenze devono sempre e comunque risultare giustificate anche sul registro elettronico.

DIDATTICA A DISTANZA

FINO ALL’INTERVENTO DELL’AUTORITA’ SANITARIA, O IN CORSO DI TESTING, IL DIRIGENTE E’ AUTORIZZATO A SOSPEDERE LE ATTIVITA’ DIDATTICHE IN PRESENZA DELLA CLASSE INTERESSATA


Dall’osservazione del comportamento degli studenti in questi primi mesi di didattica in presenza si è potuto apprezzare il comportamento responsabile della maggior parte dell’utenza scolastica; si è tuttavia verificato che in talune situazioni alcuni ragazzi non dimostrano adeguato rispetto delle regole in fatto di prevenzione del contagio, pertanto:

1) si ricorda che gli studenti dovranno indossare per l’intera permanenza nei locali della scuola una mascherina chirurgica;

2) è vietato agli studenti, una volta entrati in classe e posizionati al loro posto, cambiare banco tra un’ora e l’altra; questo farebbe venir meno la sicurezza igienica dello spazio occupato;

3) si sollecita il rispetto dei percorsi di entrata e uscita stabiliti e indicati dalla segnaletica, avendo cura di evitare assembramenti, mantenendo la distanza di 1 metro dai compagni e percorrendo le scale tenendo la destra;

Solo con l’impegno di tutti, scuola, famiglie e studenti, si potrà continuare a garantire un ambiente sicuro dove studiare in presenza e serenità.

 

 

La Dirigente Scolastica

 prof.ssa Cristina Gualtieri

(Firma autografa sostituita a mezzo stampa ai sensi dell’art. 3 c.2 d.lgs. 39/93)

Documenti